Tecniche e consigli per migliorare al respirazione sportiva.

Il primo dilemma alla quale dobbiamo porre rimedio è: Addominale o toracica?

Molti di “noi” specialmente quelli alle prime armi, si trovano spesso in affanno durante i primi

Risultati immagini per respirazione diaframmatica

minuti di allenamento e normalmente, senza scendere troppo nei dettagli, dovete sapere che tutto ciò è dovuto essenzialmente a due cose: Ad un ritmo troppo elevato durante i primi minuti della vostra preparazione,  oppure ad una respirazione completamente sballata. Vediamo se dedicando qualche riga a questo argomento vi lascerò con un po’ di sana curiosità, così che potrete approfondirlo meglio, per poi riuscire a porre rimedio ottimizzando l’efficienza respiratoria, e successivamente migliorare le prestazioni sportive.

Vediamo le differenze

Respirazione diaframmatica VS respirazione toracica

 

Corridoio, Correre, Ombre, Street, Città, Sport, Salute

Senza nessun ombra di dubbio, la respirazione diaframmatica batte 6-0 la respirazione toracica,

non c’è stata assolutamente partita. A parte gli scherzi, sicuramente imparare a respirare con il diaframma vi agevolerà nei vostri allenamenti e nelle vostre gare, donando un nuovo ritmo alla vostra respirazione. Ma andiamo a vedere nel dettaglio il motivo reale di tutto questo favorire. La respirazione diaframmatica, detta anche addominale, permette di introdurre nel corpo la quantità massima di aria, e non solo, perchè andando ad utilizzare sia la parte superiore che inferiore dei polmoni, le respirazioni saranno più profonde ed intense permettendo al nostro sistema di immagazzinare una quantità di ossigeno nettamente superiore al processo di respirazione classico. La causa di una non corretta respirazione è  soprattutto legata allo stile di vita accelerato e moderno che molti di noi al giorno d’oggi hanno, pieno di stress, di problemi,

di ansie e chi più ne ha più ne metta. Questo moderno modo di respirare è la maggiore causa del fastidioso dolore al fianco che spesso la durante la corsa  giunge inaspettatamente. Quindi traete voi le vostre conclusioni e “correte” a cercare di apprendere su come fare per imparare questa tecnica di respirazione. Ci sono molti siti che ne parlano in maniera dettagliata e specifica, più di quanto potrei fare io, quindi vi lascio qualche link ed un video per stimolare un po’ la vostra curiosità. (http://www.cure-naturali.it – http://www.iobenessere.it). Ultimamente

 

leggo moltissimo e spesso le conclusioni che traggo nell’immediato, sembrano scontate e di leggera rilevanza, ma poi riflettendoci su e applicandole a poco a poco al mio stile di correre e di vita, vi posso assicurare che non sono poi cosi tanto scontate, e finisco sempre per migliorare un po’ e sortirne con una consapevolezza in più. Con tutto questo voglio dirvi che è fondamentale mettersi in discussione ed essere consci che c’è sempre qualcuno edotto più dinoie che può insegnarci qualcosa. Se ogni cosa che impariamo, la mettiamo al servizio delnostro corpo, non potremo che migliorare e continuare a crescere sia come uomo che come runner.

Adesso vi lascio, e questa volta invece di correre… Io leggo, voi che fate?

Un saluto alla prossima